Atomica Scatter

€ 95.00
VAT not included
Contact a consultant

Gli ascoltatori stanno sempre di più prendendo coscienza del fatto che l’ambiente d’ascolto sia un fattore determinante nella riuscita di un impianto. In un ambiente domestico, salvo particolari casi, la quantità e il decadimento del riverbero possono essere controllati in modo soddisfacente con un arredamento adeguato, anche di natura non strettamente tecnica. Ad ogni modo quantità nulle o minime di fonoassorbenza sono da considerarsi sufficienti nella maggior parte dei casi, in quanto un eccessivo intervento in tal senso porterebbe all’ostacolamento del cosiddetto “campo diffuso”, condizione verso cui ogni buon ambiente d’ascolto dovrebbe tendere.

Ciò che difficilmente può essere controllato è l’effetto delle prime riflessioni alle pareti e, a volte, al soffitto. Infatti il suono, dopo essere “uscito” da un diffusore, raggiungerà l’ascoltatore con l’emissione diretta e, in un secondo momento, con il riverbero causato dalle onde riflesse nelle pareti. Tra queste quelle che hanno il maggior impatto “alterando” la scena sonora originale sono le prime riflessioni, cioè quelle che compiono un solo rimbalzo prima di giungere all’ascoltatore.

Atomica Diffract è una soluzione modulare al problema del suono riflesso. Ponete un pannello Diffract (o una colonna, oppure quattro o più pannelli) nei punti della stanza interessati dalle prime riflessioni e la scena sonora risulterà enormemente ingrandita e naturale. Le prime riflessioni verranno intercettate e la loro energia diffratta casualmente (la diffrazione è massima alle frequenze che trasmettono informazioni sulla spazialità e sulla collocazione). Questo aumenterà la percezione della spazialità e delle dimensioni della stanza d’ascolto.

Le prime riflessioni, in ordine di importanza, sono:

-riflessioni alle pareti laterali

-riflessioni alla parete di fondo

-riflessioni al soffitto

-riflessioni a terra (di solito attutite con un tappeto)

Per quanto riguarda le riflessioni alle pareti laterali, bisogna ricordare che esse rivestono un ruolo fondamentale nella spazialità dela scena sonora. A causa della maniera in cui il nostro apparato psico-uditivo interpreta i segnali, la quantità di “early reflection” che giungono da direzioni laterali è ciò che ci dà la percezione di “apertura” e “vastità” della scena sonora. Soprattutto nelle pareti laterali, Atomica Scatter può essere la carta vincente per controllare le prime riflessioni senza ostacolare la condizione di “campo diffuso”.

Individuare i punti di prima riflessione è semplice. Prendiamo ad esempio la parete destra: il primo punto di rimbalzo è quello dove, collocandovi uno specchio, sarà possibile per l’ascoltatore vedere il diffusore destro attraverso di esso.

Atomica Diffract viene consegnato in kit di montaggio ed i panelli in multistrato di betulla possono essere montati in appena 2 minuti.

Colorazione standard: neutra (foto). Qualsiasi colore del legno disponibile su scala RAL.

Dimensioni montato: L60 H60 P10cm

Speakers